• casa di riposo
  • caorle
  • assistenza anziani
  • festa della madonna caorle

Rio Terrà Moschetta

Pubblicato il numero 0 del nuovo giornale della Casa di Riposo, entra nella sezione news ed eventi e scarica la tua copia 

     

raccolta fondi don moschetta

Aiutaci a mantenere l'energia, Festa del Pesce: donazione a favore della Don Moschetta

  • 28/10/2016

L’Amministrazione Comunale ha consegnato all’Azienda Speciale Don Moschetta parte del ricavato della Festa del Pesce. L’Assessore al Turismo Alessandra Zusso, l’Assessore al Commercio Rocco Marchesan, l’Assessore allo Sport Giuseppe Boatto, il consigliere Lorenza Vanzan ed il presidente del Collettivo Sole e Luna Flavio Favero hanno consegnato, infatti, al presidente Giovanni Carrer il contributo di 2.500 euro a favore della raccolta fondi che permetterà alla Casa di Riposo di acquistare l’indispensabile gruppo elettrogeno.
“Ringrazio di cuore l’Amministrazione Comunale, il Sindaco Luciano Striuli e l’associazione Collettivo Sole e Luna – dichiara il presidente Carrer – per la donazione. L’Amministrazione Comunale è molto vicina alla nostra azienda e lo dimostra, non solo in questa occasione, ma anche con la presenza ogni settimana di un suo rappresentante. Colgo l’occasione per informare che ieri la Don Moschetta ha ottenuto la certificazione ISO 2015, con ben due encomi: si tratta di un grande risultato sia per noi che per tutta la cittadinanza”.
“È un onore contribuire al benessere degli ospiti della Casa di Riposo – afferma l’Assessore al Turismo Alessandra Zusso – La Festa del Pesce, che dopo anni, come richiesto dai cittadini, abbiamo voluto proporre, è stata un grande successo: gli incassi ci hanno permesso di coprire tutte le spese e di consegnare in beneficenza l’avanzo di 3.000 euro, parte alla Don Moschetta e parte a favore delle vittime del sisma dello scorso agosto. Ricordo che l’associazione Collettivo Sole e Luna, beneficiario inizialmente delle spese necessarie per la realizzazione della manifestazione, ha rinunciato a tale contributo (in quanto gli incassi hanno permesso di coprire interamente i costi): l’importo, quindi, rimane a disposizione dell’Amministrazione Comunale e potrà essere utilizzato per la realizzazione di altre manifestazioni”.

Aiutaci a mantenere l'energia

  • 27/11/2016

È già tempo di bilanci per il neopresidente della Don Moschetta di Caorle Giovanni Carrer: a tre mesi dalla sua nomina sono molti gli obiettivi raggiunti. È stata costruita nelle ultime settimane, ad esempio, la piazzola che ospiterà a gennaio il nuovo gruppo elettrogeno. Grazie alla campagna di raccolta fondi, infatti, sono stati raccolti 11.000 dei 15.000 euro necessari all'acquisto del generatore che permetterà alla struttura di essere completamente autonoma nella gestione della sicurezza e del benessere di ospiti ed operatori, poiché sarà in grado di mantenere costante la fornitura di energia elettrica a tutto l'immobile, anche in caso di mancata erogazione da parte delle linee principali. La raccolta continuerà fino alla fine di dicembre poi, nel mese di gennaio, l'azienda Don Moschetta provvederà a collocare ed installare il generatore, sostenendo le eventuali spese residue. "Il gruppo elettrogeno - spiega il Presidente Giovanni Carrer - ci permetterà di assicurare, anche nei casi di black out, i servizi essenziali quali il funzionamento delle attrezzature sanitarie, la possibilità di preparare pasti, l'acqua calda ed il riscaldamento. Ringrazio l'Amministrazione Comunale che ha donato alla nostra causa parte del ricavato ottenuto dalla Festa del Pesce e, naturalmente, tutte le persone che hanno contribuito alla raccolta".
Sono state, inoltre, sistemate le grondaie, che si trovavano in uno stato fatiscente, è stata ottenuta la conformità, da parte dell'INAIL, di tutti gli impianti elettrici e della messa a terra dell'edificio e si stanno predisponendo gli appalti per realizzare il piano di rifacimento di tutte le porte, naturalmente a stralci, in base ad i mezzi economici a disposizione dell'azienda.
"Abbiamo sostituito completamente il vecchio impianto termico dell'ala nord, garantendo così, anche alle 12 camere li situate, una temperature ottimale - continua il Presidente Carrer - Abbiamo, inoltre, approfittato per realizzare una sanificazione profonda ed una dipintura dei locali. Il nostro obiettivo è sanificare e ridipingere tutte le camere entro la fine del 2017: al momento ne abbiamo sistemate 18, in totale. Come ultima cosa ci siamo preoccupati di tagliare e potare i platani ed i pioppi che circondano l'edificio, in quanto, vista la loro altezza, rappresentavano un pericolo per l'incolumità sia dei nostri ospiti che dei bambini, considerata la vicinanza alla scuola. Sono veramente soddisfatto di ciò che siamo riusciti a svolgere in questi primi mesi: sono convinto che, con la collaborazione di tutti, riusciremo a raggiungere ottimi risultati!"

Patriarca a Eraclea

  • 11/06/2016

Gli ospiti della casa di riposo all'incontro con il  PATRIARCA FRANCESCO MORAGLIA

Lo scambio intergenerazionale: un ponte tra anziani e ragazzi

  • 26/05/2016

Ieri abbiamo concluso il progetto "Lo scambio intergenerazionale: un ponte tra anziani e ragazzi" che ha visto coinvolti un gruppo di nostri ospiti e i bambini di una classe di V elementare di Caorle.

I bambini hanno donato ai nostri ospiti una splendida filastrocca inventata da loro che riassume l'esperienza vissuta nel corso del tempo trascorso insieme. Inoltre hanno consegnato ai nonni i loro ritratti, molto realistici e ricchi di particolari. Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questa splendida iniziativa!

I ritratti dei nonni

I ritratti dei nonni donati dai bambini. Che emozione!

attività anziani

La riorganizzazione delle Salette

I nuovi gruppi di attività a partire da marzo 2016

  • 01/03/2016

La linea guida che da sempre caratterizza l’operatività della nostra Casa di Riposo è quella di creare un ambiente familiare e sereno, volto a favorire il benessere e a stimolare le capacità residue degli ospiti.

A questo scopo vengono organizzate le attività educative, proposte a gruppi di ospiti suddivisi in base alle caratteristiche personali.

A partire da marzo 2016 il Servizio Educativo ha riorganizzato le attività, rivolte a quattro differenti gruppi di lavoro. Le persone saranno stimolate attraverso laboratori manuali, espressivo- creativi e ludici, di stimolazione cognitiva e sensoriale, proposti sulla base delle potenzialità di ogni persona. I gruppi si riuniranno in varie Sale, dove verrà creato un ambiente il più possibile raccolto e lavoreranno in giorni alterni.

Per gli ospiti allettati il Servizio Educativo propone la visita in camera il martedì pomeriggio.

stimolazione cognitiva

Il “Gruppo Uomini”

Gruppo di stimolazione cognitiva rivolto agli uomini della struttura

A partire da marzo 2016 presso la Casa di Riposo Don Moschetta è stato avviato il “Gruppo Uomini”, aperto a tutti gli ospiti maschi appartenenti alla Struttura. Gli incontri si svolgono tutti i mercoledì ore 15.30 alle ore 16.30. Questa iniziativa vuole essere occasione per i nostri uomini di condividere del tempo assieme, imparando a conoscersi meglio e migliorando le loro relazioni, attraverso un’attività strutturata di stimolazione cognitiva. I leitmotiv sono i mestieri di un tempo, come il lavoro nei campi e la pesca, tema tanto caro ai nostri ospiti caorlotti. Il lavoro sarà quindi occasione per rafforzare positivamente le relazioni personali all’interno del gruppo, andando a ricordare e raccontare episodi di vita passata, attraverso uno scambio reciproco ed arricchente. Per favorire ulteriormente la socializzazione tra i membri del gruppo, saranno organizzate anche delle uscite, scelte in riferimento alle tematiche discusse.

Lo scambio intergenerazionale: un ponte tra anziani e ragazzi

Progetto in collaborazione con i bambini del V anno della Scuola Primaria di Caorle

A partire dall’anno 2014 sono stati organizzati momenti di incontro tra gli ospiti della Casa di Riposo e i bambini appartenenti a una delle classi della Scuola Primaria di Caorle. I bambini hanno fatto visita agli ospiti, affiancandoli nello svolgimento di alcune attività. Tali incontri in un primo periodo sono avvenuti sporadicamente, a partire dall’anno 2015 sono diventati un appuntamento fisso una volta al mese. L’attività individuata in un primo periodo è stata la tombola figurata, in seguito si è scelto di provare a svolgere assieme un’attività manuale: un biglietto di auguri di Natale. L’esperienza si è rivelata davvero significativa, tanto che, a conclusione della prima parte, durata da gennaio 2015 a giugno 2015, gli alunni hanno donato alcuni pensieri e disegni ai nostri ospiti.

Visto l’esito positivo di questi interventi, riscontrato dagli anziani, dalla maestra di classe e dagli alunni, a partire da febbraio 2016 il Servizio Educativo ha avviato una progettazione volta ad approfondire la relazione già instaurata tra bambini ed anziani. Per questo, in collaborazione con la maestra di classe, è stato definito un progetto di scambio intergenerazionale, focalizzato sui racconti raccolti nel libro pubblicato dalla Casa di Riposo, denominato “Le nostre radici”, che raccoglie le storie di vita di alcuni dei nostri ospiti.

E’ stato scelto di utilizzare lo strumento del racconto, inteso come ponte tra le generazioni: i bambini attraverso la lettura vanno a scoprire i vissuti e le esperienze degli anziani che hanno di fronte, con la possibilità di condividere le emozioni suscitate dai contenuti, attraverso uno scambio diretto con gli autori. Gli anziani vedono recuperate le loro memorie passate, ricevendo gratificazione di fronte al coinvolgimento dei bambini e all’interesse che essi dimostrano. Attraverso questo scambio viene approfondita la relazione e la conoscenza reciproca delle persone coinvolte, che si arricchiscono vicendevolmente.

Le nostre radici

Pubblicazione del libro contenente le storie dei nostri ospiti

Durante l’anno 2014 è stato avviato un progetto, denominato “I nostri alberi”, che si è proposto di tracciare assieme agli ospiti i loro “alberi genealogici”, cercando di ricostruire i ricordi più belli legati all’infanzia, alla vita con i genitori, e quando possibile anche a quella con i nonni, ricostruendo tradizioni, aneddoti e abitudini di famiglia. L’obiettivo generale del progetto non è stato quello di una ricostruzione storica precisa dei fatti, quanto piuttosto di stimolare il ricordo attraverso la conversazione.

Il progetto, nella sua prima fase, ha visto il coinvolgimento degli ospiti in piccolo gruppo: attraverso delle simpatiche conversazioni si sono raccontati aneddoti e abitudini di vita che hanno coinvolto tutti, ne è emerso, tra l’altro, il ricordo del Natale durante il quale con una letterina scritta si prometteva di fare i buoni per avere qualche piccola mancia, come la severità dei genitori o fratelli maggiori quando da giovani “le nostre ragazze” desideravano uscire per andare a ballare. Spesso le conversazioni sono state allegre anche perché i brutti ricordi, con il tempo, si attenuano.

Con alcuni ospiti quindi abbiamo approfondito la storia familiare in modo individuale: ne sono emersi ricordi profondi e molto coinvolgenti anche da persone che nel quotidianità fanno molta fatica a causa delle patologie di cui soffrono.

Ora il progetto è volto a termine con la pubblicazione del libro "Le nostre radici", contenente tutte le storie raccolte.

Tanti appuntamenti per Natale!

Gli eventi proposti dalla Don Moschetta in occasione del periodo natalizio

Anche quest’anno, come consuetudine, alla Casa di Riposo Don Moschetta sono stati proposti numerosi appuntamenti per animare il periodo natalizio. Il primo è stato organizzato domenica 13 dicembre, quando gli ospiti sono stati intrattenuti dalle voci del Coro Auser di Caorle, assieme alla Corale di San Giorgio di Livenza. Lunedì 14 invece è arrivato un ospite davvero speciale…Babbo Natale accompagnato da Neve, una renna alquanto insolita! Mercoledì 16 dicembre sono venuti a trovarci i bambini del Catechismo che hanno messo in scena una piccola recita per i nostri anziani!

Sabato 19 dicembre si è svolto in Struttura il Pranzo di Natale con ospiti e familiari. La Presidente, il Consiglio di Amministrazione e la Direzione, ritengono importante questo momento di incontro con le famiglie, certi che il vero significato del Natale sia racchiuso proprio nel calore che la vicinanza dei nostri cari ci dona. Per questo motivo il Pranzo di Natale diventa un momento di incontro speciale, per scambiarci gli auguri, trascorrere del tempo vicino ai nostri cari ed entrare insieme in clima natalizio grazie ad un ambiente il più possibile caldo e familiare. Durante la giornata è stato possibile vedere il mercatino allestito dalle volontarie, dove sono stati esposti diversi manufatti natalizi e non, realizzati dagli ospiti.

Per festeggiare l’inizio dell’anno nuovo, durante la mattinata di domenica 3 gennaio il Coro dei Giovani della Parrocchia di Santa Margherita, ha intrattenuto gli ospiti con canti natalizi.

Martedì 5 gennaio inoltre, come da tradizione, è stata bruciata la “Casera”. Durante questo evento davvero speciale sono stati offerti pinza e vin brulè a tutti i presenti, ai nostri anziani sono state donate le tradizionali calze, è stato allestito il mercatino coi manufatti realizzati dagli ospiti ed è arrivato un visitatore inaspettato… la Befana!

CASA DI RIPOSO DON MOSCHETTA AZIENDA SPECIALE DON MOSCHETTA | 10, Via Michelangelo Buonarroti - 30021 Caorle (VE) - Italia | P.I. 04053410272 | Tel. +39 0421 219411 | Fax. +39 0421 210359 | casadiriposo@donmoschetta.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite